Selezionato:

La stanza delle ombre

Al Lettore

 

 

Scrivo …

Scrivo perché non so pensare.

Spesso rinnego il pensiero,

quella piccola piaga dell’essere.

Ma una mente vuota

non è mente,

una colma è dolente.

Con la calma rassegnata

di chi ha perso tutto

e non vuole niente

accetto l’insensatezza

delle cose e di noi,

quella percettibile

mancanza di sostanza.

Non posso condividere

l’eternità di una vita

con un estraneo:

fallito matrimonio

come tanti.

Eppure non riesco a pensare

quando l’inquilino che è in me

mi si siede davanti

senza dir nulla,

con la freddezza di chi non è.

Gli occhi fissi nel buio.

Non riesco a dir nulla:

e le ombre intorno a noi

bisbigliano.

Così scrivo.

Se scrivo posso, riesco

a guardarlo negli occhi.

Nel nero della sua pupilla

imbevo la penna,

inchiostro crudele.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La stanza delle ombre”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi il menu
×
×

Carrello